.
Annunci online

la_sara_di_torino


Diario


6 gennaio 2007


Su quel tram che ormai mi accompagna ovunque, continuavo a guardare le porte sperando di veder salire lui, per poi abbracciarlo e non lasciarlo più andare via.
Ho bisogno di qualcuno accanto seriamente perché io da sola non riesco più ad andare avanti.
Ho bisogno di una persona che mi tenga la mano quando cammino, ho bisogno di una persona che sia la rete di sicurezza quando guardo in basso, di qualcuno che mi faccia capire cosa è giusto e cosa è sbagliato perché io così sto solo prendendo decisioni alla cazzo.
Di qualcuno con i miei stessi interessi, che venga a ballare dove dico io, che mi accompagni ma che allo stesso tempo abbia carattere e personalità per aiutarmi a fare certe cose.
Non chiedo tanto.
E voglio che lui torni a danza perché le lezioni senza di lui mi fanno stare male e non posso continuare a guardare l’entrata della sala nella speranza che arrivi.




permalink | inviato da il 6/1/2007 alle 22:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 dicembre 2006

*Ke Skifo*

È arrivato il Natale. Wow che felicità!
Odio queste feste con tutta me stessa.
Tutti sono nervosi, il centro pieno di gente isterica, i centri commerciali affollati con code assurde e poi tutti i commessi con un sorriso immenso e che continuano a dire “Buone feste! Buon natale! Tanti auguri!”…ma vaffanculo va!
È proprio una festa che non arrivo a capire…poi mi rendo conto che un altro anno è giunto al termine e non ho fatto nulla delle cose che mi ero proposta l’anno prima, non è cambiato nulla, realizzazione pari a zero. E come sempre mi ritrovo a fare propositi per il nuovo anno anche se so bene che non succederà nulla come al solito. Poi tutti i parenti…ma come sei bella ma come sei cresciuta ma hai mangiato poco ma dai non fare così ma fottetevi!
E ovviamente l’isterismo porta alle liti, che non mancano mai, mi pare giusto.
Auguri va.
Divertitivi, bevete, fate l’amore, fate quello che volete.
Come tutti gli altri giorni insomma.




permalink | inviato da il 24/12/2006 alle 20:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 dicembre 2006


Mi sono ri-impossessata del mio spazio web.
La gente mi dice che scrivo bene e che trasmetto, usiamo queste doti dico io.
Peccato che non ho più l’ispirazione di un tempo.
Sono in un perenne stato di agitazione positiva senza motivo ed ho un immane paura di tornare in fondo al tunnel in cui sono, proprio ora che sembro aver trovato un appiglio su cui sono in equilibrio instabile.
Ennesima cotta addosso, quel ragazzo mi ha fatto un effetto assurdo anche se l’ho visto una volta sola.
Voglio un tipo così, pur non conoscendolo bene, pur non sapendo più di tanto di lui, sono sicura che sarebbe in grado di darmi quello che cerco. E che forse non arriverà mai.
A me i ragazzi che sanno ancora arrossire, che sanno piangere, che sanno emozionarsi, che non hanno paura di far vedere di non essere forti…mi fanno effetto.
Poi lui…non parliamo di com’è fisicamente perché non ci sono parole.
Cotta a puntino, per l’ennesima volta.
Pur essendo aperta ad ogni tipo di evenienza sono sempre perennemente da sola.
Già, chi troppo vuole nulla stringe, niente di più vero.
Ma se già così, la situazione è questa, chiudo gli orizzonti e dove vado a finire?
* Bisogno di affetto *

[ I still believe in your eyes…I’ll fly with you ]




permalink | inviato da il 16/12/2006 alle 21:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


10 aprile 2006


Voglia di uscire, di buttarmi sotto alla pioggia e di lasciare che le lacrime si confondano con essa.
Voglia di crescere, di impossessarmi di quella cazzo di autonomia della quale ho bisogno.
Voglia di poter fare quello che dico io, come dico io e quando dico io senza tante leggi.
Voglia di non dare retta a quello che dicono gli altri solo per farlo apposta.
Voglia di non dover dare retta a quella merda di gente che comanda comanda senza
sapere neanche cosa sta dicendo.
Voglia di smetterla di dover tener conto per ogni cosa che dico o faccio a persone che in fondo non sanno neanche una piccola parte di come sono realmente.
Voglia di essere me stessa nonostante tutto e tutti.
Voglia di vivere.




permalink | inviato da il 10/4/2006 alle 19:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 aprile 2006


La sera è sempre un momento un po’ così per me, nonostante la giornata che sta per terminare sia andata bene. E poi siccome sono anche masochista al massimo, mi metto pure le canzoni che mi fanno stare male…almeno sto male una volta sola al giorno e non di continuo.
- il burrocacao oro anti-scottature che mi sono appena data ci sta bene, yeah -
Detto ciò.
La gente mi sta sul cazzo, alcune persone fanno proprio delle affermazioni che non stanno né in cielo né in terra. Ma va beh, va bene uguale dai.
- quando anch’io avrò qualcosa forse smetterò di farmi male -
Ho le lacrime agli occhi, così, non so perché. Sono cose che capitano, cose della vita.
Andrei a letto in questo momento per risvegliarmi tra due mesi, ma va beh.
La scuola mi ha rotto i coglioni, quelle altre 12 persone che stanno in classe con me per 6 ore al giorno mi hanno rotto i coglioni. Tutti patetici. Se anziché fare casino facendo prendere delle fantastiche note sul registro per tutta la classe (che tanto ormai, abbiamo la collezione completa), si ficcassero le cuffie in testa e stessero zitti esattamente come faccio io, sarebbe meglio.
Ma no. Perché sono io quella sbagliata, giusto è vero, me n’ero dimenticata scusate.
Che palle. Voglio scappare, andare non so dove, andare a fare in culo ormai mi va bene vista la quantità di persone che mi ci mandano.
Vabbè direi anche basta. Cambio colore a tutti i post ora, visto perché non so cosa fare.




permalink | inviato da il 4/4/2006 alle 20:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 marzo 2006


Perché tutta la gente che si meriterebbe solo calci in culo, ha tutto quello che chiede?
Perché invece la gente che si sbatte non ottiene mai un cazzo?
Rabbia, nervoso, isterismo…o forse solo invidia, mettetela voi come cazzo vi pare.
Sembra impossibile che l’essere nata in una città invece che in un’altra possa portare a vivere una vita così schifosa, così priva di senso, così schifosamente buia.
Era un periodo abbastanza stabile della mia vita, né bello né brutto, ma tranquillo, ed ecco che basta una notizia del genere per farmi ricadere.
Ma io dico, almeno ditele le cose no? Siete raccomandati? Ditelo, porca troia.
E poi quell’altro che non capisce che a me fa cagare e continua a starmi appiccicato, ma che si fotta pure lui dico io. Ora ti faccio capire tutto va, così non ti illudi e non ci facciamo problemi.
Quando finisce la scuola? Il primo Aprile sono 50 giorni effettivi, cazzo, troppi.
Basta, scusate per la finezza.
E vaffanculo.




permalink | inviato da il 30/3/2006 alle 20:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 marzo 2006


C’è che già stamattina mi sono svegliata male.
C’è che la giornata a scuola non si prospettava niente di buono.
C’è che l’andare a trovare la Preside mi ha portato ad aver scritto il mio nome nel libro nero della professoressa di informatica, nonché tutor di classe, nonché colei che ci può bocciare tutti quanti, ma sì dai, noi 3 siamo i migliori e basta.
C’è che l’aver saputo alcune cose all’intervallo mi hanno fatto incazzare e non poco.
C’è che ho avuto l’ennesima conferma del fatto che certa gente è proprio solamente invidiosa e parla solo per far prendere aria alla bocca senza sapere niente della gente.
C’è che tutti i discorsi che stanno facendo in questi giorni i miei maestri di danza mi entrano da un orecchio e mi escono dall’altro subito dopo.
C’è che oggi abbiamo lasciato la classe vuota con mezz’ora di anticipo e siamo andate alla stazione a cazzeggiare – sono pure arrivata a casa 10 minuti prima del solito con tanto di “che cazzo ci fai già qui?”.
C’è che oggi quell’altra fa 18 anni e nn è un cazzo felice di questo, non fa casino e ha pensato bene di fare la festa amici e parenti insieme sabato sera in una cremeria e la cosa di doverci andare sola come un cane mi mette abbastanza voglia di vomitare.
C’è che domani vorrei essere là con quella persona che mi manca troppo a vedermi il mio Ligabue cantare e invece sarò a danza perché sono un’emerita testa di cazzo.
C’è che se io dico che non ho tempo non ho tempo punto e basta, scusate se ho una vita e provo una certa soddisfazione ad andare a danza o da qualsiasi altra parte anziché stare ai comodi di tutti.
C’è che io le cose me le sento e non sbaglio mai, dovete impararlo tutti questo.




permalink | inviato da il 9/3/2006 alle 20:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 marzo 2006

.Cazzo.

Non voglio affezionarmi a questa persona anche se ormai è troppo tardi per farlo. Mi affeziono troppo alle persone, cazzo, la devo smettere con sto carattere di merda. Non posso legarmi così tanto ad una persona solo perché mi è venuto sempre a cercare e perché adesso mi ha chiamata per dirmi che gli manco. Ma perché non posso? Ah ecco, perché sicuramente anche questa volta me la prenderò nel culo come tutte le altre volte. E il punto è che io voglio rischiare anche se so che poi a starci male sarò io e sicuramente non lui. È bellissimo sentire questo sentimento nascere lentamente dentro di me come un fuoco che debole debole cresce e si fa sempre più forte.
Ok ok, ho studiato troppo oggi, la smetto di sparare cazzate che è meglio.
Però posso già dire di volergli bene.




permalink | inviato da il 5/3/2006 alle 19:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


17 febbraio 2006


Bisogno di una persona anche se non voglio ammetterlo, bisogno di dimenticare, di rilassarmi, di divertirmi, di ridere, scherzare, giocare, piangere tra le braccia di qualcuno….già ma chi? Chi? In queste vacanze dovrei solamente rilassarmi, uscire e fare casino, ed invece ogni giorno ne esce una nuova, ogni giorno tutti si inventano qualche stronzata da dire o da fare per far sì che io abbia nuovi casini da risolvere. È anche vero che forse sono io che mi faccio paranoie assurde, ma sono fatta così, ognuno ha i suoi pregi ed ognuno ha i suoi difetti.
** Ho voglia di evadere **
Voglia di salire su un treno e viaggiare viaggiare viaggiare, alla fermata che più mi ispira scendere e vivere lì per qualche giorno, e poi di nuovo su un treno…
Ma non posso.
E allora la smetterò di programmare viaggi inutilmente visto che noto con molto piacere che alla gente non gliene frega una beata minchia [sempre tornando al fatto che io mi sbatto mi sbatto per poi non ottenere in cambio nulla], e continuerò a passare questi pochi giorni di vacanza che mi rimangono con la testa in un cuscino oppure seduta su questa sedia.
Che bella vita.




permalink | inviato da il 17/2/2006 alle 20:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 gennaio 2006


Io non so se credere al destino o al caso, so solo che entrambi si sono messi d’accordo negli ultimi giorni per far sì che le mie giornate facciano veramente schifo.
Troppa gente falsa, ipocrita e arrogante nella mia vita. Troppe amicizie a convenienza. Un momento sono lì, accanto a te e sembrano capirti, il momento dopo ti hanno già voltato le spalle, per poi tornare da te appena ne hanno bisogno.
Troppa gente che non mi merita, e non lo dico per modestia, ma perché mi ritengo ben superiore a certe persone della mia età, mi ritengo più matura, mi ritengo più responsabile, più furba, mi ritengo MIGLIORE.
Ma con il mio carattere di merda non riesco a dire di NO quando una persona mi chiede un aiuto o semplicemente un consiglio, non mi tiro indietro quando c’è da battersi per una determinata cosa, non mi nascondo dietro a niente. Invece dovrei solamente farlo. Dovrei fregarmene altamente delle persone che vengono a piagnucolare da me, ma appena possono colgono l’occasione per pugnalarmi alle spalle. Dovrei pensare di più a me stessa e meno agli altri. Dovrei tornare ad essere la stronza di un tempo, la gente è stronza.
Oggi una persona mi ha detto “tratti male le persone”…bene…d’ora in poi le tratterò male veramente…e che nessuno venga a dirmi nulla però…perché non so se riuscirò a fermarmi…




permalink | inviato da il 24/1/2006 alle 19:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre       
 
 




blog letto 24120 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE


CERCA